Int. N° 53/2014/676 – Frana

Segnalazione pervenuta dalla centrale 115 di Trento alle ore 09:46 per una frana con tre macigni di evidenti dimensioni e una grossa perdita di gas in località Linfano di Arco.

Dalla casema partono 12 vigili con pinza idraulica, celere, A.P.S. 190, scarrabile DAF con cassa crolli, scarrabile iveco con cisterna da 10.000 litri, 4 fuoristrada e carro acqua con speciale attrezzatura per la chiusura dei tubi del gas metano.

Giunti sul posto si richiedeva l’immediato supporto dei corpi limitrofi e della prima partenza del Corpo Permanente di Trento.

Una squadra provvedeva alla verifica, con l’aiuto dei sanitari,  che non vi fossero persone coinvolte all’interno del residence e della casa vicina, colpita da un macigno. Una seconda squadra provvedeva a cercare la valvola di chiusura della conduttura principale del gas. Infine, una terza squadra iniziava a bagnare mediante acqua ad alta pressione la zona circostante della  rottura del condotto del gas, procedendo all’abbattimento dello stesso.

Nel frattempo, intervenivano i tecnici A.G.S. per assicurare la chiusura del gas e della corrente elettrica.

Le persone coinvolte nel sinistro sono state portate al pronto soccorso per accertamenti.

Sul posto: Polizia di Stato, C.C. Radiomobile Riva del Garda, Polizia Locale Alto Garda, Corpo Permanente Vigili del Fuoco Trento, Corpo Vigili del Fuoco Volontari Riva del Garda e Nago – Torbole, n°2 eliambulanze, 118 Trentino Emergenza, Vice Questore di Rovereto, Ispettore e Vice Ispettore Vigili del Fuoco Distretto Alto Garda e Ledro, Geologo della Provincia, Tecnici A.G.S., Assessore Provinciale alla protezione civile Mellarini Tiziano, Sindaco di Arco Betta.

Fonti articoli: L’adige, Instant shot web tv

image-2imageimageimage (1)

 

I commenti sono chiusi.